Questo sito utilizza cookie in conformità alla cookie policy del sito.

Cliccando su CHIUDI o chiudendo il banner, acconsenti all’utilizzo di cookie. Per maggiori informazioni clicca su MAGGIORI INFORMAZIONI

Comune di Erchie scrivi Telefono2 facebook erchie
Via Santa Croce, 2 - 72020 Erchie - c.f. 80000960742- IBAN IT 04 B 03111 79300 0000000 10124

COVID19. IL SINDACO COMUNICA I PRIMI DUE CASI DI CONTAGIO A ERCHIE

Carissimi,


devo purtroppo informarvi che due nostri Concittadini asintomatici, sono risultati essere positivi al COVID-19.

Non saranno in alcun modo resi noti i nomi e vi invito a non fare inutili illazioni veicolando fake news attraverso i social network e i gruppi whatsapp.

Vi rassicuro sul fatto che le persone sono state poste in isolamento domiciliare obbligatorio in regime di sorveglianza sanitaria, con tutte le cautele del caso, prontamente disposte,  per evitare ogni possibilità di diffusione del contagio . Sono in corso gli accertamenti per ricostruire i contatti da parte dell’Asl.


Che il virus sarebbe arrivato era purtroppo prevedibile ma vi invito ad avere fiducia nel lavoro incessante per l’adozione di ogni migliore iniziativa di prevenzione e contrasto alla sua diffusione e nell’attività di controllo posta in essere dalle forze dell’ordine e di polizia. Stiamo facendo il possibile a tutti i livelli e su tutti i fronti, per limitare gli effetti del contagio.


Comprendo il forte sacrificio per combattere la stanchezza nell’affrontare questa situazione difficile ma questo è un momento cruciale per vincere una battaglia che stiamo conducendo insieme. Il fatto che le due persone asintomatiche siano positive, ci porti a riflettere.


Vi chiedo con di cuore di non abbassare la guardia, di continuare a essere cittadini attenti e responsabili, di non uscire da casa se non in casi di straordinaria necessità e urgenza, di rispettare la distanza di sicurezza, di utilizzare mascherine e guanti, di lavare le mani e igienizzare gli ambienti domestici.


Il vero gesto eroico, adesso è rispettare le norme. La trasgressione è il fallimento.


Vi ringrazio e desidero ringraziare vivamente a nome di tutti,  i nostri due concittadini per il forte senso civico dimostrato e augurare loro pronta guarigione.

Stiamo a casa.

Giuseppe MARGHERITI

COVID19. ORDINANZA SINDACALE N 41 DEL 14 APRILE 2020

Con propria ordinanza n 41 del 14/04/2020 il Sindaco, ha disposto con decorrenza dal 14 aprile fino al 3 maggio 2020:

1) gli esercizi commerciali al dettaglio e le attività inerenti i servizi alla persona previsti dagli Allegati 1 e 2 del D.P.C.M. del 10 aprile 2020 - con esclusione delle rivendite di tabacchi, farmacie e parafarmacie - osservano il seguente orario di esercizio: antimeridiano 7:00 – 13:30 e pomeridiano 16:00 – 19:00, con obbligo di chiusura nei giorni festivi. Nel limite dei predetti orari e nel rispetto delle norme igienico sanitarie vigenti in materia di confezionamento e trasporto, resta consentita l’attività di consegna a domicilio;


2) le rivendite di tabacchi, anche in modalità di erogazione automatica (c.d. distributori h24),osservano il seguente orario d’esercizio: antimeridiano 6:00 – 13.30 e pomeridiano 16:00-19:00;


3) le farmacie e parafarmacie, anche in modalità di erogazione automatica (c.d. distributori h24),osservano il seguente orario di esercizio : antimeridiano 8:30- 13:30 e pomeridiano 16:00- 19:00; gli orari di turnazione delle farmacie sono adeguati alle presenti disposizioni;

4) tutti i punti vendita in modalità self-service di alimenti e bevande aperti al pubblico (c.d.distributori h24) - con esclusione della c.d. “Casetta dell’acqua” - sono chiusi per l’intera giornata;

5) è fatto obbligo ai titolari e/o gestori di distributori automatici di qualsiasi natura di provvedere alla sanificazione costante degli stessi con prodotti certificati e di informare mediante esposizione di idoneo avviso, che l’uso è consentito solo con i guanti monouso.

leggi l'ordinanza

allegato 1 e 2

COVID 19. DPCM 10 APRILE 2020.

E’ pubblicato sulla GU n 97 dell’11 aprile 2020 il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 10 Aprile 2020 le cui disposizioni si applicano su tutto il territorio nazionale dal 14 aprile 2020 al 3 maggio 2020. Cessa l’efficacia dei decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri nn 8, 9, 11, 22 Marzo e 1 Aprile e si continuano ad applicare le misure di contenimento piu' restrittive adottate dalle Regioni.

https://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2020/04/11/20A02179/sg

MISURE IN MATERIA DI PREVENZIONE IGIENICO SANITARIA di cui all'allegato 4


a) lavarsi spesso le mani e si raccomanda di mettere a disposizione in tutti i locali pubblici, palestre, supermercati, farmacie e altri luoghi di aggregazione, soluzioni idroalcoliche per il lavaggio delle mani;
b) evitare il contatto ravvicinato con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute;
c) evitare abbracci e strette di mano;
d) mantenere, nei contatti sociali, una distanza interpersonale di almeno un metro;
e) praticare l’igiene respiratoria (starnutire e/o tossire in un fazzoletto evitando il contatto delle mani con le secrezioni respiratorie);
f) evitare l'uso promiscuo di bottiglie e bicchieri, in particolare durante l'attività sportiva;
g) non toccarsi occhi, naso e bocca con le mani;
h) coprirsi bocca e naso se si starnutisce o tossisce;
i) non prendere farmaci antivirali e antibiotici, a meno che siano prescritti dal medico;
l) pulire le superfici con disinfettanti a base di cloro o alcol.

MISURE IN MATERIA DI PREVENZIONE IGIENICO SANITARIA PER GLI ESERCIZI COMMERCIALI di cui all'allegato 5

1. Mantenimento in tutte le attività e le loro fasi del distanziamento interpersonale.

2. Garanzia di pulizia e igiene ambientale con frequenza almeno due volte giorno ed in funzione dell’orario di apertura.

3. Garanzia di adeguata aereazione naturale e ricambio d’aria. 4. Ampia disponibilità e accessibilità a sistemi per la disinfezione delle mani. In particolare, detti sistemi devono essere disponibili accanto a tastiere, schermi touch e sistemi di pagamento.

5. Utilizzo di mascherine nei luoghi o ambienti chiusi e comunque in tutte le possibili fasi lavorative laddove non sia possibile garantire il distanziamento interpersonale.

6. Uso dei guanti “usa e getta” nelle attività di acquisto, particolarmente per l’acquisto di alimenti e bevande.

7. Accessi regolamentati e scaglionati secondo le seguenti modalità:

         a) attraverso ampliamenti delle fasce orarie;

         b) per locali fino a quaranta metri quadrati può accedere una persona alla volta, oltre a un massimo di due operatori;

         c) per locali di dimensioni superiori a quelle di cui alla lettera b), l’accesso è regolamentato in funzione degli spazi disponibili, differenziando, ove possibile, i percorsi di entrata e di uscita.

8. Informazione per garantire il distanziamento dei clienti in attesa di entrata.

MISURE IN MATERIA DI SPOSTAMENTI , EVENTI, CERIMONIE, SPORT, SCUOLA, UNIVERSITA’ , CONCORSI, ESAMI


- sono consentiti solo gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessita' ovvero per motivi di salute e, in ogni caso, e' fatto divieto a tutte le persone fisiche di trasferirsi o spostarsi, con mezzi di trasporto pubblici o privati, in un comune diverso rispetto a quello in cui attualmente si trovano, salvo che per comprovate esigenze lavorative, di assoluta urgenza ovvero per motivi di salute e resta anche vietato ogni spostamento verso abitazioni diverse da quella principale comprese le seconde case utilizzate per vacanza;
- ai soggetti con sintomatologia da infezione respiratoria e febbre (maggiore di 37,5° C) e' fortemente raccomandato di rimanere presso il proprio domicilio e limitare al massimo i contatti sociali,contattando il proprio medico curante;
- e' fatta espressa raccomandazione a tutte le persone anziane o affette da patologie croniche o con multimorbilita' ovvero con stati di immunodepressione congenita o acquisita, di evitare di uscire dalla propria abitazione o dimora fuori dai casi di stretta necessita';
- e' fatto divieto assoluto di mobilita' dalla propria abitazione o dimora per i soggetti sottoposti alla misura della quarantena ovvero risultati positivi al virus;
- e' vietata ogni forma di assembramento di persone in luoghi pubblici o aperti al pubblico;
- e' vietato l'accesso del pubblico ai parchi, alle ville, alle aree gioco e ai giardini pubblici;
- non e' consentito svolgere attivita' ludica o ricreativa all'aperto; e' consentito svolgere individualmente attivita' motoria in prossimita' della propria abitazione, purche' comunque nel rispetto della distanza di almeno un metro da ogni altra persona;
- sono sospesi gli eventi e le competizioni sportive di ogni ordine e disciplina, in luoghi pubblici o privati. Sono sospese altresi' le sedute di allenamento di tutti gli atleti all'interno degli impianti sportivi di ogni tipo; sono sospese le attivita' di palestre, centri sportivi, piscine, centri natatori, centri benessere, centri termali,centri culturali, centri sociali, centri ricreativi;
- sono sospese le manifestazioni, eventi e spettacoli di qualsiasi natura, ivi compresi quelli di carattere culturale, ludico, sportivo, religioso e fieristico, svolti in ogni luogo, sia pubblico sia privato, quali, a titolo d'esempio, grandi eventi, cinema, teatri, pub, scuole di ballo, sale giochi, sale scommesse e sale bingo,discoteche e locali assimilati; nei predetti
luoghi e' sospesa ogni attivita';
- Sono sospese le cerimonie civili e religiose, ivi comprese quelle funebri;
- sono sospesi i servizi di apertura al pubblico dei musei e degli altri istituti e luoghi della cultura;
- sono sospesi i servizi educativi per l'infanzia e le attivita' didattiche in presenza nelle scuole di ogni ordine e grado, Universita' e le Istituzioni di Alta Formazione Artistica Musicale e Coreutica, di corsi professionali,master, corsi per le professioni sanitarie e universita' per anziani, Sono esclusi dalla sospensione i corsi di formazione specifica in medicina generale.
- le Universita' e le Istituzioni scolastiche , successivamente al ripristino dell'ordinaria funzionalita', assicurano, laddove ritenuto necessario ed in ogni caso individuandone le relative modalita', il recupero delle attivita' formative nonche' di quelle curriculari ovvero di ogni altra prova o verifica, anche intermedia, che risultino funzionali al completamento del percorso didattico;
- le assenze maturate dagli studenti non sono  computate ai fini della eventuale ammissione ad esami finali nonche' ai fini delle relative valutazioni;
- sono sospese le procedure concorsuali private ad esclusione dei casi in cui la valutazione dei candidati e' effettuata esclusivamente su basi curriculari ovvero con modalita' a distanza; per le procedure concorsuali pubbliche resta fermo quanto previsto dall'art. 87, comma 5, del decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18, e dall'art. 4 del decreto-legge 8 aprile 2020, n. 22;
- sono adottate, in tutti i casi possibili, nello svolgimento di riunioni, modalita' di collegamento da remoto con particolare riferimento a strutture sanitarie e sociosanitarie, servizi di pubblica utilita' e coordinamenti attivati nell'ambito dell'emergenza COVID-19, comunque garantendo il rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di un metro;
- sono sospesi gli esami di idoneita' presso gli uffici periferici della motorizzazione civile, per i candidati che non hanno potuto sostenere le prove d'esame in ragione della sospensione è disposta la proroga dei termini;
- e' fatto divieto agli accompagnatori dei pazienti di permanere nelle sale di attesa dei dipartimenti emergenze e accettazione e dei pronto soccorso;
- l'accesso di parenti e visitatori a strutture di ospitalita', lungo degenza, RSA e' limitata ai soli casi indicati dalla direzione sanitaria della struttura;

MISURE IN MATERIA DI INGRESSO IN ITALIA

Ferme restando le disposizioni di cui sopra chiunque intende fare ingresso nel territorio nazionale tramite trasporto di linea aereo, marittimo, lacuale, ferroviario o terrestre, e' tenuto, ai fini dell'accesso al servizio, a consegnare al vettore all'atto dell'imbarco dichiarazione resa ai sensi degli articoli 46 e 47 del decreto del Presidente della Repubblica del 28 dicembre 2000, n. 445 recante l'indicazione in modo chiaro e dettagliato, tale da consentire le verifiche da parte dei vettori o armatori, di:
a) motivi del viaggio, nel rispetto di quanto stabilito dall'art.1, comma 1, lettera a), del presente decreto;
b) indirizzo completo dell'abitazione o della dimora in Italia dove sara' svolto il periodo di sorveglianza sanitaria e l'isolamento fiduciario di cui al comma 3 e il mezzo di trasporto privato che verra' utilizzato per raggiungere la stessa;
c) recapito telefonico anche mobile presso cui ricevere le comunicazioni durante l'intero periodo di sorveglianza sanitaria e isolamento fiduciario.
- I vettori e gli armatori acquisiscono e verificano prima dell'imbarco la documentazione di cui al comma 1, provvedendo alla misurazione della temperatura dei singoli passeggeri e vietando l'imbarco se manifestano uno stato febbrile, nonche' nel caso  in cui la predetta documentazione non sia completa. Sono inoltre tenuti ad adottare le misure organizzative che assicurano in tutti i momenti del viaggio una distanza interpersonale di almeno un metro tra i passeggeri trasportati e a promuovere l'utilizzo da parte dell'equipaggio e dei passeggeri dei mezzi di protezione individuali, con contestuale indicazione delle situazioni nelle quali gli stessi possono essere temporaneamente rimossi. Il vettore aereo provvede, al momento dell'imbarco, a dotare i passeggeri, che ne risultino sprovvisti, dei dispositivi di protezione individuale.
- Le persone, che fanno ingresso in Italia con le modalita' di cui al comma 1, anche se asintomatiche, sono obbligate a comunicarlo immediatamente al Dipartimento di prevenzione dell'azienda sanitaria competente per territorio e sono sottoposte alla sorveglianza sanitaria e all'isolamento fiduciario per un periodo di quattordici giorni presso l'abitazione o la dimora preventivamente indicata all'atto dell'imbarco . In caso di insorgenza di sintomi COVID-19, sono obbligate a segnalare tale situazione con tempestivita' all'Autorita' sanitaria per il tramite dei numeri telefonici appositamente dedicati.
Le dichiarazioni false relative al domicilio sono segnalate all’Autorità Giudiziaria e il luogo dove svolgere la sorveglianza sanitaria e l'isolamento fiduciario sono a carico esclusivo delle persone sottoposte alla predetta misura. In caso di insorgenza di sintomi COVID-19, i soggetti di cui al periodo precedente sono obbligati a segnalare tale situazione con tempestivita' all'Autorita' sanitaria per il tramite dei numeri telefonici appositamente dedicati.
- Chi rientra in Italia, tramite mezzo privato, anche se asintomatico è obbligate a comunicare immediatamente il proprio ingresso in Italia al Dipartimento di prevenzione dell'azienda sanitaria competente per il luogo in cui si svolgera' il periodo di sorveglianza sanitaria e l'isolamento fiduciario, e sono sottoposte alla sorveglianza sanitaria e all'isolamento fiduciario per un periodo di quattordici giorni presso l'abitazione o la dimora indicata nella medesima comunicazione. In caso di insorgenza di sintomi COVID-19, sono obbligate a segnalare tale situazione con tempestivita' all'Autorita' sanitaria per il tramite dei numeri telefonici appositamente dedicati. Vale quanto sopra per le false dichiarazioni .
Chi rientra in Italia osserva :
- lo stato di isolamento per quattordici giorni dall'ultima esposizione;
- il divieto di contatti sociali;
- il divieto di spostamenti e viaggi;
-l'obbligo di rimanere raggiungibile per le attivita' di sorveglianza;
-in caso di comparsa di sintomi la persona in sorveglianza
deve:
1) avvertire immediatamente il medico di medicina generale o il pediatra di libera scelta e l'operatore di sanita' pubblica;
2) indossare la mascherina chirurgica fornita all'avvio della procedura sanitaria e allontanarsi dagli altri conviventi;
3) rimanere nella propria stanza con la porta chiusa garantendo un'adeguata ventilazione naturale, in attesa del trasferimento in ospedale, ove necessario.

IN MATERIA DI COMMERCIO AL DETTAGLIO

- sono sospese le attivita' commerciali al dettaglio, fatta eccezione per le attivita' di vendita di generi alimentari e di prima necessita' individuate nell'allegato 1, sia nell'ambito degli esercizi commerciali di vicinato, sia nell'ambito della media e grande distribuzione, anche ricompresi nei centri commerciali,purche' sia consentito l'accesso alle sole predette attivita'. Sono chiusi, indipendentemente dalla tipologia di attivita' svolta, i mercati, salvo le attivita' dirette alla vendita di soli generi alimentari. Restano aperte le edicole, i tabaccai, le farmacie, le parafarmacie. Deve essere in ogni caso garantita la distanza di sicurezza interpersonale di un metro;
- sono sospese le attivita' dei servizi di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie) Resta consentita la sola ristorazione con consegna a domicilio nel rispetto delle norme igienico-sanitarie sia per l'attivita' di confezionamento che di trasporto;
- sono chiusi gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande, posti all'interno delle stazioni ferroviarie e nelle aree di servizio e rifornimento carburante, con esclusione di quelli situati lungo le autostrade, che possono venderesolo prodotti da asporto da consumarsi al di fuori dei locali; restano aperti quelli siti negli ospedali e negli aeroporti, con obbligo di assicurare in ogni caso il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro;
- sono sospese le attivita' inerenti servizi alla persona (fra cui parrucchieri, barbieri, estetisti) diverse da quelle individuate nell'allegato 2;
- gli esercizi commerciali la cui attivita' non e' sospesa sono tenuti ad assicurare, oltre alla distanza interpersonale di un metro, che gli ingressi avvengano in modo dilazionato e che venga impedito di sostare all'interno dei locali piu' del tempo necessario all'acquisto dei beni. Si raccomanda altresi' l'applicazione delle misure di cui all'allegato 5;
- restano garantiti, nel rispetto delle norme igienico-sanitarie, i servizi bancari, finanziari, assicurativi nonche' l'attivita' del settore agricolo, zootecnico di trasformazione agro-alimentare comprese le filiere che ne forniscono beni e servizi;
- il Presidente della Regione Puglia ha disposto la programmazione del servizio erogato dalle aziende del trasporto pubblico locale,
- la modalita' di lavoro agile per il lavoro pubblico puo' essere applicata dai datori di lavoro pubblico privati a ogni rapporto di lavoro subordinato, si raccomanda in ogni caso ai datori di lavoro pubblici e privati di promuovere la fruizione dei periodi di congedo ordinario e di ferie;
- stesse raccomandazioni valgono per le attivita' professionali che assumono protocolli di sicurezza anti-contagio, incentivano le operazioni di sanificazione dei luoghi di lavoro, anche utilizzando a tal fine forme di ammortizzatori sociali.


MISURE IN MATERIA DI ATTIVITA’ PRODUTTIVE INDUSTRIALI E COMMERCIALI

sono sospese tutte le attivita' produttive industriali e commerciali, ad eccezione di quelle indicate nell'allegato 3.
- Le attivita' produttive sospese possono comunque proseguire se organizzate in modalita' a distanza o lavoro agile.
- Restano sempre consentite, previa comunicazione al Prefetto della provincia ove e' ubicata l'attivita' produttiva, nella quale comunicazione sono indicate specificamente le imprese e le amministrazioni beneficiarie dei prodotti e servizi attinenti alle attivita' consentite, anche le attivita' che sono funzionali ad assicurare la continuita' delle filiere delle attivita' di cui all'allegato 3, nonche' delle filiere delle attivita' dell'industria dell'aerospazio, della difesa e delle altre attivita' di rilevanza strategica per l'economia nazionale, autorizzate alla continuazione, e dei servizi di pubblica utilita' e dei servizi essenziali .- Il Prefetto, sentito il Presidente della regione, puo' sospendere le predette attivita' qualora ritenga che non sussistano le condizioni di cui al periodo precedente. Fino all'adozione dei provvedimenti di sospensione dell'attivita', l'attivita' per i servizi che e' legittimamente esercitata sulla base della comunicazione resa.
E' sempre consentita l'attivita' di produzione, trasporto, commercializzazione e consegna di farmaci, tecnologia sanitaria e dispositivi medico-chirurgici nonche' di prodotti agricoli e alimentari. Resta altresi' consentita ogni attivita' comunque funzionale a fronteggiare l'emergenza.

- Sono altresi' consentite le attivita' degli impianti a ciclo produttivo continuo, previa comunicazione al Prefetto , dalla cui interruzione derivi un grave pregiudizio all'impianto stesso o un pericolo di incidenti. Le imprese le cui attivita' non sono sospese rispettano i contenuti del protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus covid-19 negli ambienti di lavoro sottoscritto il 14 marzo 2020 fra il Governo e le parti sociali.

- Per le attivita' produttive sospese e' ammesso, previa comunicazione al Prefetto, l'accesso ai locali aziendali di personale dipendente o terzi delegati per lo svolgimento di attivita' di vigilanza, conservative e di manutenzione, gestione dei pagamenti nonche' attivita' di pulizia e sanificazione e la spedizione verso terzi di merci giacenti in magazzino nonche' la ricezione in magazzino di beni e forniture.

Allegato 1

allegato 2

Allegato 3

Allegato 4

Allegato 5

COVID19. DECRETO LEGGE 8 APRILE 2020, N 22

IL DECRETO-LEGGE 8 aprile 2020, n. 22 

Misure urgenti sulla regolare conclusione e l'ordinato avvio dell'anno scolastico e sullo svolgimento degli esami di Stato. 

GU n.93 del 08-04-2020) in vigore dal  09/04/2020

Dispone misure urgenti per:

-  gli esami di Stato e la regolare valutazione dell'anno scolastico 2019/2020;

-  l'ordinato avvio dell'anno scolastico 2020/2021;

-  la tempestiva adozione dei provvedimenti del Ministero dell'istruzione;

-  sospensione delle prove concorsuali per l'accesso al pubblico impiego;

- sospensione delle procedure concorsuali e degli esami di abilitazione per l'accesso alle professioni vigilae dal Ministero della Giustizia;

- lo svolgimento degli esami di Stato di abilitazione all'esercizio delle professioni e dei tirocini professionalizzanti e curriculari;

-  assicurare la continuita' della gestione delle Universita' e delle istituzioni di alta formazione artistica musicale e coreutica;

leggi il decreto https://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2020/04/08/20G00042/sg

RACCOLTA RIFIUTI ARO BR/1. NESSUNA VARIAZIONE AL CALENDARIO

Raccolta rifiuti Aro Br/1: nessuna variazione al calendario* ♻️

Si comunica a tutte le utenze dei Comuni di Erchie, Francavilla Fontana, Latiano, Oria, San Michele Salentino, San Pancrazio Salentino e Torre Santa Susanna che *lunedì 13 aprile (Pasquetta) il servizio di raccolta della frazione organica sarà regolarmente effettuato!*

_Gli operatori di Monteco sono quotidianamente in strada per garantire un servizio essenziale per tutta la comunità, i cittadini seguano le regole... restare a casa anche durante le festività è per il bene di tutti!_ ????

Lo staff di Monteco augura a tutti una serena Santa Pasqua! ????

SANTA PASQUA UNITI NEL RICORDO DI NON E' PIU' CON NOI

Nel giorno di Pasqua il Sindaco has reso omaggio a Tutti i Nostri Cari. Un piccolo gesto simbolico, un fiore e un pensiero d'amore che ci unisce nel ricordo.83F7348E A7D2 4DC1 88FE 94E1D83EC17B44D4E785 5195 4C7D B3C6 1A3035617A09

COVID19. COMUNICAZIONI DEL SINDACO IN MATERIA DI SICUREZZA.

ll Sindaco
Informa

che ieri 10 aprile ha sottoposto al Sig Prefetto di Brindisi una proposta di ordinanza sindacale per la chiusura delle strade secondarie che collegano Erchie a Torre Santa Susanna, convogliando così il traffico sulla sola provinciale . Tanto al fine di tutelare la sicurezza e consentire alle forze dell’ Ordine e di Polizia Locale di effettuare maggiori e più stringenti controlli sugli spostamenti verso Erchie. Il Sig Prefetto ha convocato il Comitato di Sicurezza che si è riunito in videoconferenza nelle primissime ore del pomeriggio, al quale sono stato invitato a partecipare. Ho avuto così modo di rappresentare le motivazioni che a mio parere legittimavano   la necessità e l ‘urgenza della adozione del provvedimento. Le maggiori e specifiche valutazioni operate congiuntamente dal Sig Prefetto, dal Sig Questore,Sig Colonnello del Comando Provinciale dei Carabinieri e dal Sig Colonnello della Guardia di Finanza,  mi hanno portato a non adottare l ‘ordinanza,  rassicurato dalla  implementazione del servizio di ordine pubblico su Erchie. Ringrazio pubblicamente le Massime Autorità di Sicurezza Provinciale per lo straordinario e instancabile lavoro e per l’attenzione e la tutela dei territori. Da oggi  nell’encomiabile  attività di controllo, i Carabinieri della stazione di Erchie e la polizia locale saranno coadiuvati da ulteriori forze dell’ordine .
Invito i Cittadini a rispettare le norme sugli spostamenti, a non uscire da casa se non strettamente necessario e urgente, per prevenire ogni forma di diffusione del virus e  anche in segno di rispetto e ringraziamento per il lavoro incessante del Comitato di Sicurezza e degli Operatori della sicurezza sempre in prima linea, che con alto senso del dovere, trascorreranno le festività pasquali lontani dai propri cari.

Confido sulla sensibilità, l’impegno e la responsabilità di Tutti

COVID 19 . ORDINANZA REGIONALE N 204/2020. CHIUSI ESERCIZI COMMERCIALI PER PASQUA E PASQUETTA

Il Presidente della Giunta Regionale , Michele Emiliano, ha emesso  ordinanza 204/2020 " Misure urgenti ai sensi dell'art.32 della Legge 23 dicembre 1978, n. 833 in materia di igiene e sanità pubblica. Chiusura al pubblico delle attività commerciali al dettaglio di vendita di generi alimentari e di prima necessità sia nell’ambito degli esercizi commerciali di vicinato, sia nell’ambito della media e grande distribuzione, anche ricompresi nei centri commerciali, nei giorni 12 aprile (Santa Pasqua) e 13 aprile (Lunedì dell’Angelo) 2020. "

Sono  salve le ulteriori restrizioni dell'ordinanza sindacale n 38/2020.

 Leggi l'Ordinanza

Ai sensi del D.L 19/2020 si rammenta:

a) divieto di spostamento dal comune di Erchie e di circolazione all'intero del territorio comunale se non per i soli casi ammess, quindi il divieto di spostamenti verso le seconde abitazioni (mare o campagna);

b)il rispetto delle misure di quarantena precauzionale ai soggetti che hanno avuto contatti stretti con casi confermati di malattia infettiva diffusiva;

c) il rispetto del divieto assoluto di allontanamento dalla propria abitazione o dimore per le persone sottoposte alla misura della quarantena;

d) la limitazione di iniziative, di qualsiasi natura, e di ogni altra forma di riunione in luogo pubblico o privato compresi pranzi e cene al di fuori della propria abitazione e delle persone già conviventi;

e) la limitazione di ogni forma di assembramento in luoghi pubblici o aperti al pubblico;

COVID19 - DIVIETO DI SPOSTAMENTI PER PASQUA E PASQUETTA

        Il Sindaco

AVVISA CHE

Come disposto con ordinanza n 38/2020 nei giorni di Pasqua e Pasquetta gli esercizi commerciali saranno chiusi. 

Ai sensi dell’art 1 c 2 del D lgs 19/2020 per il periodo della Santa Pasqua e Pasquetta in applicazione dei divieti di cui al comma 2 articolo 1 del decreto Legge n 19/2020

 

E’ VIETATO

  • Ogni spostamento verso abitazioni diverse da quella principale, comprese le seconde case;
  • Raggiungere seconde case in località di vacanza, al mare o in campagna;
  • Organizzare manifestazioni o iniziative di qualsiasi natura in luogo pubblico o privato, feste e riunioni di qualsiasi tipo, compresi pranzi, incontri, scambi di auguri e doni, con soggetti diversi da quelli già conviventi nella medesima abitazione

 RIBADISCE ALTRESI’

                                           IL DIVIETO ASSOLUTO                                        

  • di allontanamento o ingresso nel territorio comunale;
  • di allontanarsi dalla propria abitazione o dimora per le persone sottoposte alla misura della quarantena e l’applicazione della quarantena precauzionale ai soggetti che hanno avuto contatti con casi di malattia infettiva o rientrato da territori fuori dal comune di Erchie