Questo sito utilizza cookie in conformità alla cookie policy del sito.

Cliccando su CHIUDI o chiudendo il banner, acconsenti all’utilizzo di cookie. Per maggiori informazioni clicca su MAGGIORI INFORMAZIONI

Comune di Erchie scrivi Telefono2 facebook erchie
Via Santa Croce, 2 - 72020 Erchie - c.f. 80000960742- IBAN IT 04 B 03111 79300 0000000 10124

COVID19- DECRETO LEGGE 1 DEL 5/1/2021

PALAZZO CHIGI

DECRETO-LEGGE 5 gennaio 2021, n. 1 Ulteriori disposizioni urgenti in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19. 

Entrata in vigore del provvedimento: 06/01/2021

https://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2021/01/05/21G00001/sg

 

 

COVID19- ORDINANZA REGIONALE SCUOLA

LOGO REGONE

il Presidente della Regione Puglia con propria ordinanza n  1 del 5/1/2021 " Misure urgenti per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da COVID-19, dispone che, con decorrenza dal 7 gennaio e sino al 15 gennaio 2021:

1. Le Istituzioni Scolastiche del primo ciclo (scuola primaria e secondaria di primo grado), salvo quanto previsto al punto 2, adottano forme flessibili dell’attività didattica in modo che il 100% delle attività scolastiche sia svolto in modalità digitale integrata (DDI), restando sempre garantita la possibilità di svolgere attività in presenza per l’uso di laboratori qualora sia previsto dall’ordinamento, o per mantenere una relazione educativa che realizzi l’effettiva inclusione scolastica degli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali, garantendo comunque il collegamento on line con gli alunni della classe che sono in didattica digitale integrata;

2. Le medesime Istituzioni Scolastiche del primo ciclo (scuola primaria e secondaria di primo grado), nell’ambito dell’alleanza del rapporto Scuola-famiglia, devono garantire l’attività didattica in presenza in luogo della didattica digitale integrata, per tutti gli alunni le cui famiglie la richiedano espressamente per i propri figli; tale scelta è esercitata una sola volta e per l’intero periodo di vigenza della presente ordinanza;

3. Le Istituzioni Scolastiche secondarie di secondo grado, nonché i CPIA, adottano forme flessibili nell'organizzazione dell'attività didattica ai sensi degli articoli 4 e 5 del decreto del Presidente della Repubblica 8 marzo 1999, n. 275, in modo che il 100 per cento delle attività sia svolta tramite il ricorso alla didattica digitale integrata. Resta sempre garantita la possibilità di svolgere attività in presenza qualora sia necessario l’uso di laboratori o per mantenere una relazione educativa che realizzi l’effettiva inclusione scolastica degli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali, secondo quanto previsto dal decreto del Ministro dell’istruzione n. 89 del 7 agosto 2020, e dall’ordinanza del Ministro dell’istruzione n. 134 del 9 ottobre 2020, garantendo comunque il collegamento on line con gli alunni della classe che sono in didattica digitale integrata;

4. Le Istituzione Scolastiche devono comunicare, ogni lunedì della settimana, all’Ufficio Scolastico Regionale e al Dipartimento della Salute, attraverso la procedura predisposta sulla piattaforma www.studioinpuglia.regione.puglia.it, il numero degli studenti e il numero del personale scolastico positivi al covid-19 o in quarantena, nonché tutti i provvedimenti di sospensione dell’attività didattica adottati a causa dell’emergenza Covid.

leggi l'ordinanza

COVID-19. DECRETO LEGGE 18/12/2020

PALAZZO OCHIGI

DECRETO-LEGGE 18 dicembre 2020, n. 172 Ulteriori disposizioni urgenti per fronteggiare i rischi sanitari connessi alla diffusione del virus COVID-19.

https://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2020/12/18/20G00196/sg

DOMANDE FREQUENTI SULLE MISURE

http://www.governo.it/it/articolo/domande-frequenti-sulle-misure-adottate-dal-governo/15638?gclid=CjwKCAiA8ov_BRAoEiwAOZogwRiiY_WZSzUJyASHGH258AUdziBDbRLbdp-b-Ajoxz7UndN0hlzENBoCNAsQAvD_BwE

 

COVID-19. AVVISO PUBBLICO MISURE DI SOLIDARIETA' ALIMENTARE E PROTEZIONE SOCIALE

PicsArt 12 09 01.13.11

 

AVVISO
BUONI SOLIDARIETA’ ALIMENTARE E MISURE DI PROTEZIONE SOCIALE

Si informano gli interessati, che dalla data odierna è possibile presentare richiesta per l’accesso ai buoni spesa di “ SOLIDARIETA’ALIMENTARE “ di cui al D.L 154/2020 e ai contributi di protezione sociale (delibere giunta regionale 434/2020 e 788/2020)

I modelli sono reperibili:

  • sul sito internet del Comune di Erchie https://comune.erchie.gov.it
  • presso i Servizi Sociali del Comune di Erchie.

Le domande pervenute saranno valutate dai Servizi Sociali sulla base delle norme di riferimento e dalle LINEE GUIDA COMUNALI, fino ad esaurimento fondi.

La DOMANDA , completa dell'ALLEGATO B e di una copia del documento di identità,  devono essere compilati e spediti al seguente indirizzo di posta elettronica: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ulteriori informazioni relative ai requisiti di accesso alle misure e di presentazione delle istanze  possono essere richieste direttamente ai numeri 0831768322 -  0831768323

Gli esercizi commerciali che aderiscano al progetto presentano manifestazione di interesse in risposta all'AVVISO PUBBLICO

Erchie, 09/12/2020

                                 L'Assessore alle Politiche Sociali                                                              Il Sindaco
                                              Dott.ssa Pamela MELECHI'                                                        Dott. Pasquale NICOLI'

COVID-19. ORDINANZA PRESIDENTE REGIONE PUGLIA N 444/2020

REGIONE

Con  nuova Ordinanza n 444  del 4/12/2020 il  Presidente della Regione Puglia conferma le misure già disposte con Ordinanza n.413 del 6 novembre 2020 in cui le istituzioni scolastiche del ciclo primario elementari e medie devono garantire non solo le attività didattiche in presenza ma anche in DID, didattica digitale integrata, per tutti gli alunni le cui famiglie la richiedano espressamente.

LEGGI L'ORDINANZA

 

COVID-19. DPCM 3/12/2020

download

Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha firmato il Dpcm del 3 dicembre 2020 "Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 maggio 2020, n  35, recante: «Misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19» e del decreto-legge 16 maggio 2020, n. 33, convertito, con modificazioni, dalla legge 14 luglio 2020, n. 74, recante: «Ulteriori misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19», nonche' del decreto-legge 2 dicembre 2020, n. 158, recante: «Disposizioni urgenti per fronteggiare i rischi sanitari connessi alla diffusione del virus COVID-19»

LEGGI IL DECRETO - LEGGI GLI ALLEGATI

Le disposizioni del decreto entrano in vigore dal 4 dicembre e saranno vigenti fino al 15 gennaio 2021.

In sintesi i principali contenuti del Decreto. 

Festività natalizie

  • Dal 21 dicembre 2020 al 6 gennaio 2021 è vietato, nell'ambito del territorio nazionale, ogni spostamento in entrata e in uscita tra i territori di diverse Regioni o Province Autonome. Nelle giornate del 25 e del 26 dicembre 2020 e del 1° gennaio 2021 è vietato anche ogni spostamento tra Comuni. Sono fatti salvi gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero per motivi di salute. È consentito sempre il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione con esclusione degli spostamenti verso le seconde case ubicate in altra Regione o Provincia autonoma e, nelle giornate del 25 e 26 dicembre 2020 e del 1° gennaio 2021, anche ubicate in altro Comune; 
  • Confermato il coprifuoco dalle 22 alle 5. A Capodanno viene esteso fino alle 7 del mattino del 1 gennaio 2021;
  • Gli italiani che andranno all’estero per turismo dal 21 dicembre al 6 gennaio al rientro dovranno sottoporsi alla quarantena. Anche i turisti stranieri che arrivano in Italia nello stesso periodo dovranno sottoporsi dalla quarantena.
  • Fino al 6 gennaio 2021, l’esercizio delle attività commerciali al dettaglio sarà consentito fino alle ore 21. Nelle giornate festive e prefestive saranno chiusi gli esercizi commerciali presenti all'interno dei mercati e dei centri commerciali, gallerie commerciali, parchi commerciali, aggregazioni di esercizi commerciali ed altre strutture ad essi assimilabili, a eccezione delle farmacie, parafarmacie, presidi sanitari, punti vendita di generi alimentari, di prodotti agricoli e florovivaistici, tabacchi ed edicole;
  • La ristorazione negli alberghi e in altre strutture ricettive dalle ore 18 del 31 dicembre 2020 e fino alle ore 7 del 1° gennaio 2020 è consentita solo con servizio in camera.

Attività di ristorazione

Le attività dei servizi di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie) sono consentite dalle ore 5.00 fino alle ore 18.00; il consumo al tavolo è consentito per un massimo di quattro persone per tavolo, salvo che siano tutti conviventi; dopo le ore 18,00 è vietato il consumo di cibi e bevande nei luoghi pubblici e aperti al pubblico. Resta sempre consentita la ristorazione con consegna a domicilio nel rispetto delle norme igienico-sanitarie sia per l’attività di confezionamento che di trasporto, nonché fino alle ore 22,00 la ristorazione con asporto, con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze.

 Scuole

L’attività didattica ed educativa per i servizi educativi per l’infanzia, per la scuola dell’infanzia e per il primo ciclo di istruzione continua a svolgersi integralmente in presenza.

Dal 7 gennaio 2021 per le scuole di secondo grado dovrà essere garantita l’attività didattica in presenza per il 75% della popolazione studentesca.

 

 

COVID-19. ORDINANZA SINDACALE 131/2020. PROROGATA FINO AL 14 DICEMBRE LA CHIUSURA DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA GIOVANNI PAOLO II.

TRICOLORE FASCIA

Il Sindaco per ragioni connesse al rischio Covid-19, preso atto della positività del sospetto caso, ha prorogato fino al giorno 14 dicembre la chiusura della scuola dell'infanzia Giovanni Paolo II.

La competente ASL ha attivato tutte le misure volte all'accertamento epidemiologico e al tracciamento dei contatti.

Si raccomanda ai i soggetti interessati di osservare la massima prudenza e cautela in attesa di comunicazioni della ASL.

LEGGI L'ORDINANZA

COVID-19.ORDINANZA SINDACALE . PROROGA CHIUSURA SCUOLA DELL'INFANZIA "GIOVANNI PAOLO II"

TRICOLORE FASCIA

Il Sindaco informa circa l'avvenuta sanificazione dei locali della scuola dell'infanzia "Giovanni Paolo II" e della scuola primaria "Grazia Deledda". Tuttavia,  poichè non sono disponibili gli esiti relativi all'accertamento del sospetto caso Covid-19, con propria ulteriore ordinanza , a scopo precauzionale, ha prorogato anche per domani 1 dicembre, la chiusura della sola scuola dell'infanzia"Giovanni Paolo II" presso la quale sono stati intrattenuti contatti.

LEGGI L'ORDINANZA

COVID19. ORDINANZA SINDACALE CHIUSURA SCUOLA "GIOVANNI PAOLO II" E "GRAZIA DELEDDA" NEI GIORNI 28 E 30 NOVEMBRE 2020

TRICOLORE FASCIA

Con propria ordinanza il Sindaco, preso atto di un sospetto caso Covid19,  a titolo precauzionale,  ha disposto per i giorni 28 e 30 novembre 2020 la chiusura e la sanificazione  della scuola dell'infanzia "Giovanni Paolo II " e della scuola primaria "Grazia Deledda".

Il competente Dipartimento di Prevenzione della ASL, debitamente interessato,  ha posto in essere quanto previsto dai protocolli sanitari. 

In  caso di conferma della positività del soggetto,  saranno comunicati e adottati gli ulteriori   adempimenti consequenziali.

E' fortemente raccomandato  di indossare i dispositivi di protezione individuale, di osservare sempre la distanza di sicurezza e di uscire da casa solo se  necessario.

E' fatto divieto di uscire da casa con sintomi riconducibili al Covid19 e febbre, che  devono essere immediatamente  segnalati al proprio medico di famiglia o al dipartimento di prevenzione. della ASL.

Il responsabile rispetto delle norme e il buon senso nel prevenire contatti oltre a quelli stretti, senza allarmismi e con assoluta serenità, oggi sono il modo migliore, se non l'unico,  per prevenire il contagio e la sua diffusione.

Leggi l'ordinanza 

 

COVID-19.DISPOSIZIONI PER I SERVIZI DEMOGRAFICI

dem raddrizz

Si avvisa la cittadinanza che a seguito del riacutizzarsi della pandemia da COVID- 19, come previsto dalle norme vigenti, gli UFFICI DEMOGRAFICI, nel rispetto della continuità dell’azione amministrativa e la celere conclusione dei procedimenti, assicureranno i servizi anche in modalità di lavoro agile, con soluzioni digitali. I soli servizi indifferibili saranno garantiti in presenza.

A tutela della salute degli operatori e dei cittadini, i servizi agli sportelli fisici saranno erogati previo appuntamento, fatte salve le urgenze motivate, con accessi consentiti nella misura di una persona per volta che dovrà obbligatoriamente indossare la mascherina, igienizzare le mani utilizzando il gel idroalcolico messo a disposizione dal Comune e osservare sempre la distanza interpersonale di almeno un metro.

Il Sig Giovanni Urselli , il Sig Alessandro Margheriti, il Sig Nicola Leo, la Sig.ra Caterina Graniglia

sono a disposizione per ricevere le richieste di appuntamento e fornire i servizi.

Per fissare un appuntamento chiamare ai numeri 0831768314 - 0831768315 – 0831768316

oppure inviare una mail o una pec ai seguenti indirizzi, ai quali è possibile richiedere e ricevere anche documenti , atti o certificati,

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Si confida nella responsabilità personale per l’accesso ai servizi in presenza solo se indispensabili

Si rammenta che:

La validità di tutti i documenti d’identità rilasciati dalle pubbliche amministrazioni, scaduti o in scadenza successivamente all’entrata in vigore del D.L. n. 18 del 17/03/2020, e’ prorogata al 31/12/2020.

Per carte di identità scadute prima, e quindi da rinnovare, gli interessati, previa prenotazione , dovranno presentarsi personalmente presso l’ufficio anagrafe con la seguente documentazione:

 precedente carta d’identità – se smarrita produrre denuncia di smarrimento

 tessera sanitaria/codice fiscale

 fototessera recente

 ricevuta di pagamento che può essere effettuato mediante - versamento su conto corrente n. 12887725 causale: rilascio/duplicato CIE - bonifico bancario: contraddistinto da IBAN IT 18 v 05262 79748 t20990001211 – causale: rilascio/duplicato CIE

Il costo per il rilascio è fissato in € 22,00 In caso di duplicato (smarrimento/furto/deterioramento) il costo è pari a € 28,00.

Il tempo medio per il rilascio è stimato in circa 20 minuti . Contestualmente è rilasciata una attestazione sostitutiva, valida a tutti gli effetti fino alla consegna della CIE originale, che sarà spedita entro circa 20 giorni dalla data del rilascio.

Si precisa che Ai sensi della Legge 18/2011, dal 1° gennaio 2012, agli Uffici Pubblici è fatto divieto di rilasciare certificati, di stati fatti e qualità personali autocertificabili, (di cui in elenco a seguire) indirizzati ad altre pubbliche amministrazioni o a gestori pubblici.

Pertanto, i cittadini per attestare la propria condizione anagrafica devono obbligatoriamente avvalersi della dichiarazione sostitutiva di certificazione sottoscritta ai sensi del DPR 445/2000 , che le amministrazioni pubbliche (stato, regioni, enti locali, enti gestori di pubblici servizi) devono ricevere, salvo poi disporre eventuali verifiche.

Per la dichiarazione sostitutiva di certificazione non è necessario recarsi in comune e non è necessario versare l'imposta di bollo. (schema allegato).

Le certificazioni rilasciate dagli Uffici anagrafici comunali potranno ancora essere richieste nell'ambito dei rapporti con soggetti privati (banche, imprese, assicurazioni, società sportive, ecc.) e, comunque, previo consenso del soggetto richiedente, anche in questi casi sarà possibile presentare autocertificazione.

I certificati di anagrafe destinati ai privati sono soggetti ad imposta di bollo di € 16.00 ad esclusione delle esenzioni vigenti a norma del D.P.R. 642/72 nonché leggi speciali (Tabella degli usi la cui documentazione è esente dall'imposta di bollo).

Il cittadino ha l'obbligo di citare all'amministrazione a cui fa richiesta di certificazione, l'uso e la norma che esenta dall’imposta di bollo. 

Elenco di stati fatti e qualità personali autocertificabili:

 data e luogo di nascita;  residenza;  cittadinanza;  godimento dei diritti civili e politici;  stato di celibe, coniugato, vedovo o stato libero;  stato di famiglia;  esistenza in vita;  nascita del figlio, decesso del coniuge, dell'ascendente o discendente;  iscrizione in albi, in elenchi tenuti da pubbliche amministrazioni;  appartenenza a ordini professionali;  titolo di studio, esami sostenuti;  qualifica professionale posseduta, titolo di specializzazione, di abilitazione, di formazione, di aggiornamento di qualificazione tecnica;  situazione reddituale o economica anche ai fini della concessione dei benefici di qualsiasi tipo previsti da leggi speciali;  assolvimento di specifici obblighi contributivi con l'indicazione dell'ammontare corrisposto;  possesso e numero del codice fiscale, della partita IVA e di qualsiasi dato presente nell'archivio dell'anagrafe tributaria;  stato di disoccupazione;  qualità di pensionato e categorie di pensione;  qualità di studente;  qualità di legale rappresentante di persone fisiche o giuridiche, di tutore, di curatore e simili;  iscrizione presso associazioni o formazioni sociali di qualsiasi tipo;  tutte le situazioni relative all'adempimento degli obblighi militari, ivi comprese quelle atte- state nel foglio matricolare dello stato di servizio;  di non aver riportato condanne penali e di non essere destinatario di provvedimenti che riguardano l'applicazione di misure di prevenzione, di decisioni civili e di provvedimenti amministrativi iscritti nel casellario giudiziale ai sensi della vigente normativa;  di non essere a conoscenza di essere sottoposto a procedimenti penali;  qualità di vivenza a carico;  tutti i dati a diretta conoscenza dell'interessato contenuti nei registri dello stato civile (nascita, matrimonio, cittadinanza, morte);  di non trovarsi in stato di liquidazione o di fallimento e di non aver presentato domanda di concordato.

In allegato schema di autocertificazione, da compilare, sottoscrivere e presentare ai soggetti richiedenti, allegando copia del documento di identità personale in corso di validità 

LEGGI L'AVVISO

SCARICA LO SCHEMA DI AUTOCERTIFICAZIONE

Si avvisa la cittadinanza che a seguito del riacutizzarsi della pandemia da COVID- 19, come previsto dalle norme vigenti, gli UFFICI DEMOGRAFICI, nel rispetto della continuità dell’azione amministrativa e la celere conclusione dei procedimenti, assicureranno i servizi anche in modalità di lavoro agile, con soluzioni digitali. I soli servizi indifferibili saranno garantiti in presenza.. A tutela della salute degli operatori e dei cittadini, i servizi agli sportelli fisici saranno erogati previo appuntamento, fatte salve le urgenze motivate, con accessi consentiti nella misura di una persona per volta che dovrà obbligatoriamente indossare la mascherina, igienizzare le mani utilizzando il gel idroalcolico messo a disposizione dal Comune e osservare sempre la distanza interpersonale di almeno un metro. Il Sig Giovanni Urselli , il Sig Alessandro Margheriti, il Sig Nicola Leo, la Sig.ra Caterina Graniglia sono a disposizione per ricevere le richieste di appuntamento e fornire i servizi. Per fissare un appuntamento chiamare ai numeri 0831768314 - 0831768315 – 0831768316 oppure inviare una mail o una pec ai seguenti indirizzi, ai quali è possibile richiedere e ricevere anche documenti , atti o certificati, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Si confida nella responsabilità personale per l’accesso ai servizi in presenza solo se indispensabili. COMUNE DI ERCHIE Provincia di Brindisi COVID-19 AVVISO ACCESSO AI SERVIZI DEMOGRAFICI PREVIO APPUNTAMENTO AI NUMERI 0831768314 -15 -16 Mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Pec Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Si rammenta che: La validità di tutti i documenti d’identità rilasciati dalle pubbliche amministrazioni, scaduti o in scadenza successivamente all’entrata in vigore del D.L. n. 18 del 17/03/2020, e’ prorogata al 31/12/2020. Per carte di identità scadute prima, e quindi da rinnovare, gli interessati, previa prenotazione , dovranno presentarsi personalmente presso l’ufficio anagrafe con la seguente documentazione:  precedente carta d’identità – se smarrita produrre denuncia di smarrimento;  tessera sanitaria/codice fiscale  fototessera recente  ricevuta di pagamento che può essere effettuato mediante - versamento su conto corrente n. 12887725 causale: rilascio/duplicato CIE - bonifico bancario: contraddistinto da IBAN IT 18 v 05262 79748 t20990001211 – causale: rilascio/duplicato CIE Il costo per il rilascio è fissato in € 22,00 In caso di duplicato (smarrimento/furto/deterioramento) il costo è pari a € 28,00. Il tempo medio per il rilascio è stimato in circa 20 minuti . Contestualmente è rilasciata una attestazione sostitutiva, valida a tutti gli effetti fino alla consegna della CIE originale, che sarà spedita entro circa 20 giorni dalla data del rilascio. Si precisa che Ai sensi della Legge 18/2011, dal 1° gennaio 2012, agli Uffici Pubblici è fatto divieto di rilasciare certificati, di stati fatti e qualità personali autocertificabili, (di cui in elenco a seguire) indirizzati ad altre pubbliche amministrazioni o a gestori pubblici. Pertanto, i cittadini per attestare la propria condizione anagrafica devono obbligatoriamente avvalersi della dichiarazione sostitutiva di certificazione sottoscritta ai sensi del DPR 445/2000 , che le amministrazioni pubbliche (stato, regioni, enti locali, enti gestori di pubblici servizi) devono ricevere, salvo poi disporre eventuali verifiche. Per la dichiarazione sostitutiva di certificazione non è necessario recarsi in comune e non è necessario versare l'imposta di bollo. (schema allegato). Le certificazioni rilasciate dagli Uffici anagrafici comunali potranno ancora essere richieste nell'ambito dei rapporti con soggetti privati (banche, imprese, assicurazioni, società sportive, ecc.) e, comunque, previo consenso del soggetto richiedente, anche in questi casi sarà possibile presentare autocertificazione. I certificati di anagrafe destinati ai privati sono soggetti ad imposta di bollo di € 16.00 ad esclusione delle esenzioni vigenti a norma del D.P.R. 642/72 nonché leggi speciali (Tabella degli usi la cui documentazione è esente dall'imposta di bollo). Il cittadino ha l'obbligo di citare all'amministrazione a cui fa richiesta di certificazione, l'uso e la norma che esenta dall’imposta di bollo. Tali informazioni devono essere riportati obbligatoriamente sul certificato rilasciato. Elenco di stati fatti e qualità personali autocertificabili:  data e luogo di nascita;  residenza;  cittadinanza;  godimento dei diritti civili e politici;  stato di celibe, coniugato, vedovo o stato libero;  stato di famiglia;  esistenza in vita;  nascita del figlio, decesso del coniuge, dell'ascendente o discendente;  iscrizione in albi, in elenchi tenuti da pubbliche amministrazioni;  appartenenza a ordini professionali;  titolo di studio, esami sostenuti;  qualifica professionale posseduta, titolo di specializzazione, di abilitazione, di formazione, di aggiornamento di qualificazione tecnica;  situazione reddituale o economica anche ai fini della concessione dei benefici di qualsiasi tipo previsti da leggi speciali;  assolvimento di specifici obblighi contributivi con l'indicazione dell'ammontare corrisposto;  possesso e numero del codice fiscale, della partita IVA e di qualsiasi dato presente nell'archivio dell'anagrafe tributaria;  stato di disoccupazione;  qualità di pensionato e categorie di pensione;  qualità di studente;  qualità di legale rappresentante di persone fisiche o giuridiche, di tutore, di curatore e simili;  iscrizione presso associazioni o formazioni sociali di qualsiasi tipo;  tutte le situazioni relative all'adempimento degli obblighi militari, ivi comprese quelle atte- state nel foglio matricolare dello stato di servizio;  di non aver riportato condanne penali e di non essere destinatario di provvedimenti che riguardano l'applicazione di misure di prevenzione, di decisioni civili e di provvedimenti amministrativi iscritti nel casellario giudiziale ai sensi della vigente normativa;  di non essere a conoscenza di essere sottoposto a procedimenti penali;  qualità di vivenza a carico;  tutti i dati a diretta conoscenza dell'interessato contenuti nei registri dello stato civile (nascita, matrimonio, cittadinanza, morte);  di non trovarsi in stato di liquidazione o di fallimento e di non aver presentato domanda di concordato. In allegato schema di autocertificazione, da compilare, sottoscrivere e presentare ai soggetti richiedenti, allegando copia del documento di identità personale in corso di validità Il responsabile del settore Agata Rodi

COVID-19. LETTERA APERTA DEL SINDACO

LOGO COMUNICATO page 0001 2 SENZA SCRITTA

Egregi signori concittadini,


tutti ormai sapete, dai mezzi di informazione, del trend esponenziale dei contagi e della sofferenza dei presidi ospedalieri ed in particolare dei reparti di terapia intensiva e sapete anche che, rispetto alla scorsa primavera, il virus si diffonde in tutte le fasce d’età; e’ di questi ultimi giorni la notizia del primo decesso a Torino, di una giovane ventenne, sana e senza alcuna patologia; fatto che dovrebbe impensierire e far riflettere tutti in modo serio sulla nostra fragilità e sui rischi che corre ognuno di noi continuando a far finta che tutto è finito.


In tale contesto, chi amministra, a tutti i livelli, ha l’obbligo di adottare delle scelte immediate e radicali a tutela della salute e del benessere di tutti, pur non perdendo di vista l’innegabile necessità di salvaguardare anche le ragioni ed i diritti socio economici delle famiglie e delle aziende. Ma ricordiamoci comunque che viene prima la tutela della salute.


La comunità scientifica è impegnata al massimo nello studio di terapie, farmaci e vaccini per il contrasto dell’epidemia ed il governo nell’assicurare il sostegno economico al ceto produttivo e noi, amministratori locali, siamo chiamati ad operare prioritariamente per la sicurezza e la difesa del vostro diritto alla salute.


Ben si comprende quindi il valore delle scelte politico/amministrative che chi governa ha l’onere di assicurare nel momento in cui ricopre ruoli istituzionali, ma oggi, ciò che ora più che mai conta, ciò che oggi ha davvero valore, ciò che davvero fa la differenza è il comportamento di ciascuno di noi.


Per questo mi rivolgo a voi ancora una volta non come sindaco , ma come uno di voi impegnato a garantire il bene comune affinchè ciascuno si senta parte dell’obiettivo di centrare il risultato che è quello di fermare i contagi sul nostro territorio. Responsabilità e Rispetto delle regole devono guidare i nostri comportamenti.


Responsabilmente uscite da casa solo se necessario: per recarvi a lavoro, effettuare gli acquisti, studiare o accompagnare i figli a scuola, prendervi cura di anziani o disabili evitando di recarvi o ricevere in casa, per mera cortesia o condivisione del tempo libero.


Responsabilmente indossate bene la mascherina coprendo naso e bocca, mantenete sempre la distanza di sicurezza di almeno un metro e non siate causa o elemento di assembramenti.
Responsabilmente siate da esempio per i figli e fate in modo di star dietro loro, poichè in questo momento particolare stanno divenendo il veicolo privilegiato del virus e pertanto nei prossimi giorni saranno oggetto di attenzione da parte delle autorità di polizia che, nel tentativo di evitare assembramenti di sorta, commineranno pesanti sanzioni.


In una parola cerchiamo di rispettare il nostro prossimo con i nostri comportamenti corretti, altrimenti il rischio può anche essere quello di non vedere più i nostri cari, data la gravità della situazione pandemica anche da noi.


Pasquale Nicolì

COVID-19. DISPOSIZIONI PER IL PROTOCOLLO

prt raddrizzato

Si avvisa la cittadinanza che a seguito del riacutizzarsi della pandemia da COVID- 19, come previsto dalle norme vigenti, l’UFFICIO PROTOCOLLO, nel rispetto della continuità
dell’azione amministrativa e la celere conclusione dei procedimenti, assicurerà i servizi anche in modalità di lavoro agile, con soluzioni digitali. I soli servizi indifferibili saranno
garantiti in presenza.
ISTANZE, DOCUMENTI E ATTI SONO INVIATI AL PROTOCOLLO DELL’ENTE
A MEZZO PEC ANCHE DA MAIL AL SEGUENTE INDIRIZZO
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
oppure
inserendo documenti in una busta e poi nella apposita cassetta posta all’ingresso della
sede comunale e immediatamente nell’ingresso dell’Ufficio di Stato Civile.
.I tecnici presentano gli allegati concercandone le modalità con gli uffici preposti
A tutela della salute degli operatori e dei cittadini, i servizi agli sportelli fisici , per
ritiro o deposito atti, saranno erogati previo appuntamento,
con i Signori Antonello Gennaro o Cosimo Diviggiano
ai numeri 0831768313 -768333 -0831768312
o pec Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
fatte salve le urgenze motivate, con accessi consentiti nella misura di una persona per
volta che dovrà obbligatoriamente indossare la mascherina, igienizzare le mani
utilizzando il gel idroalcolico messo a disposizione dal Comune e osservare sempre la
distanza interpersonale di almeno un metro.

LEGGI LE DISPOSIZIONI

COVID19- COMUNICATO DEL SINDACO

LOGO COMUNICATO page 00012

Cari concittadini, 

la gravità della pandemia è a tutti nota e non spetta a me rammentarvela poichè disponete di tutti i mezzi di informazione atti a conoscere e valutarne le possibili ricadute su tutti noi. Tuttavia ci tengo a comunicarvi che nel nostro paese il numero degli attuali positivi è salito a 15 unità.

Ciò che mi preme evidenziare e sottoporre alla vostra riflessione è la assoluta urgente necessità di essere responsabili e di rispettare tutte le disposizioni che già conosciamo, distanziamento, mascherine, igiene delle mani, divieto di assembramento nei luoghi pubblici e privati e quant'altro previsto dalle disposizioni nazionali, regionali e comunali a noi note e che sostanzialmente sono quelle che abbiamo rispettato in primavera, quando siamo stati chiusi in casa.

Se vogliamo evitare che ci richiudano in casa come in primavera, in questo momento, se proprio non possiamo fare a meno di uscire da casa e  andare a passeggiare in piazza o in altri luoghi affollati, perchè sono i nostri comportamenti corretto e rispettosi delle norme che ci salvano dal contagio e nient'altro.

Noi non conosciamo il numero degli asintomatici ed i contatti di costoro che a loro insaputa hanno o possono avere avuto con ognuno di noi e per questo è fondamentale la responsabilità nei comportamenti di tutti noi. Se facciamo questo possiamo convivere con la pandemia, in attesa del vaccino, senza danni alla nostra salute.

Ripeto, allo stato attuale, solo noi e con il nostro senso di responsabilità possiamo tutelare e salvaguardare la salute di tutti;

Nessuno può pensare di essere immune, 

nessuno deve pensare che questa cosa tocca ad altri e non a me, non è così, il virus non guarda in faccia nessuno e per questo vi esorto a comportamenti responabili.

Voglio assicurare tutti che le istituzioni stanno facendo il massimo per tutelare la nostra salute e se anche non ci danno i numeri in modo celere sappiate che sono operativi tutti i meccanismi di controllo sul territorio, dalla medicina di base alla scuola che ha attivato tutti i protocolli di sicurezza per la salute dei nostri ragazzi, per cui assicuro tutti i genitori che i propri figli andranno a lezione in ambienti controllati e sanificati, ma di contro se vi accorgete del minimo sintomo non portate i vostri ragazzi a scuola, ma teneteli a casa e chiamate subito il pediatra che vi assisterà nel migliore dei modi.

Concludo ripetendovi fino alla nausea, di rispettare le regole ed uscire il meno possibile.

Buona domenica, 

Il Sindaco 

 

 

 

Cari concittadini,
la gravità della pandemia è a tutti nota e non spetta a me rammentarvela poiché disponete di tutti i mezzi di informazione  atti a conoscere e valutarne  le possibili ricadute su tutti noi. Tuttavia ci tengo a comunicarvi che nel nostro paese il numero degli attuali positivi è salito a 15 unità.

Ciò che mi preme evidenziare e sottoporre alla vostra riflessione  è la assoluta urgente necessità di essere responsabili e di rispettare  tutte le disposizioni che già conosciamo, distanziamento, mascherine, igiene delle mani, divieto di assembramento nei luoghi pubblici e privati e quant’altro  previsto dalle disposizioni nazionali, regionali e comunali a noi note e che sostanzialmente sono quelle che abbiamo rispettato in primavera, quando siamo stati chiusi in casa.

Se vogliamo evitare che ci richiudano in casa  come in primavera, in questo momento, se proprio non ne possiamo fare a meno, evitiamo di uscire da casa e andare a passeggiare in piazza o in altri luoghi affollati, perché sono i nostri comportamenti corretti e rispettosi delle norme che ci salvano dal contagio e nient’altro.

 Noi non conosciamo il numero degli asintomatici ed i contatti di costoro che a loro insaputa hanno o possono avere avuto con ognuno di noi per questo è fondamentale la responsabilità nei comportamenti di noi tutti.
Se facciamo questo possiamo convivere con la pandemia, in attesa del vaccino, senza danni alla nostra salute.

Ripeto, allo stato attuale, solo noi e con il nostro senso di responsabilità possiamo tutelare e salvaguardare la salute di tutti;

 Nessuno può pensare di essere immune,
 nessuno deve pensare che questa cosa tocca ad altri e non a me, non è così, il virus non guarda in faccia nessuno per questo vi esorto a comportamenti responsabili.

Voglio assicurare tutti che le istituzioni stanno facendo il massimo per tutelare la nostra salute e se anche non ci danno i numeri in modo celere sappiate che sono operativi tutti i meccanismi di controllo sul territorio, dalla medicina di base alla scuola che ha attivato tutti i protocolli si sicurezza per la salute dei nostri ragazzi, per cui assicuro tutti i genitori che i propri figli andranno a lezione in ambienti controllati e sanificati, ma di contro se vi accorgete del minimo sintomo non portate i vostri ragazzi a scuola, ma teneteli a casa e chiamate subito il pediatra che vi assisterà nel migliore dei modi.

Concludo ripetendovi fino alla nausea, di rispettare le regole ed uscire il meno possibile.
Buona domenica,
Il Sindaco
 
 
 
RispondiInoltra